Famiglie e studenti

Premiati i futuri geometri per l’abbattimento delle barriere

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Sono stati premiati ieri a Roma gli studenti di 45 istituti tecnici per geometri di tutta Italia che hanno sviluppato progetti di abbattimenti di barriere architettoniche in aree da loro individuate. La premiazione ha concluso la sesta edizione del concorso “I futuri geometri
progettano l'accessibilità” promosso da Fiaba onlus, dal Consiglio nazionale geometri e geometri laureati e dalla Cassa italiana previdenza e assistenza geometri.


Si è trattato quest'anno di 29 progetti sviluppati in tre diverse categorie: spazi urbani, edifici pubblici e scolastici e strutture per il tempo libero. I lavori presentati dovevano rispettare la normativa vigente in materia di accessibilità.

Alla cerimonia hanno partecipato gli studenti di 16 istituti tecnici arrivati da Correggio, Cuneo, Erba, Fermo, Leno, Lodi, Novafeltria, Rovereto, San Donato Milanese, Santa Maria CapuaVetere, Udine, Vercelli, Volterra.

Durante la cerimonia è stato assegnato il premio speciale Kone all'istituto d'istruzione superiore Piero della Francesca di San Donato Milanese per il progetto di abbattimento delle
barriere della chiesa di Santa Maria Ausiliatrice. Per la sezione “Lavori in concorso”, dedicata ai progetti presentati nelle passate edizioni e in fase di realizzazione, è stato premiato l'istituto d'istruzione superiore Alessandro Volta di Pavia con il progetto “Ticino? No more barriers” per l'abbattimento delle barriere architettoniche del waterfront e delle sponde del fiume. L'iniziativa ha ricevuto il patrocinio dei ministeri delle Infrastrutture, del Lavoro e delle Politiche sociali e dei Beni culturali.


Oltre 170 studenti, provenienti da tutta Italia, hanno affollato la Sala del Tempio di Adriano
della Camera di Commercio di Roma che ha ospitato la cerimonia conclusiva della 6^ edizione del concorso “I futuri geometri progettano l'accessibilità”. Presenti, tra gli altri, l'ex
ministro del Lavoro Cesare Damiano il quale ha esortato i giovani a non smettere di studiare e l'ex sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi che ha sottolineato l'importanza di lavorare con i giovani per migliorare la nostra società.


«Il Progetto - ha dichiarato il Presidente di Fiaba Onlus Giuseppe Trieste - si propone di avvicinare e sensibilizzare, fin dall'età scolare, gli studenti ad una progettazione
innovativa e che sia fruibile per “tutti”. Ambienti più accessibili e confortevoli possono giovare a persone con disabilità motorie o sensitive, momentanee o permanenti, donne
in stato di gravidanza, anziani e tanti altri. È fondamentale che le nuove generazioni comprendano la necessità e l'importanza di una progettazione che si ispiri ai principi cardine dell'Universal Design e della Total Quality».


Il Consigliere del Consiglio nazionale geometri e geometri laureati Marco Nardini, ha espresso soddisfazione per il positivo riscontro ottenuto: «Un'adesione entusiastica ha
nuovamente caratterizzato la partecipazione degli studenti all'ultima edizione del nostro concorso nazionale».


«Quest’evento - ha affermato il consigliere di Cassa italiana previdenza e assistenza dei geometri liberi professionisti Ilario Tesio - è il segno di un passaggio culturale importante, il superamento di barriere sia fisiche che mentali. Una città vivibile è una città inclusiva e per questo siamo costantemente al lavoro, in collaborazione con le Istituzioni, per rendere pienamente accessibili le città. E proseguiamo con orgoglio nel sostenere questa iniziativa che ci consente di toccare con mano quello che questi giovani studenti e futuri geometri hanno progettato con concretezza, sensibilità e senso civico».


© RIPRODUZIONE RISERVATA