Enti e regioni

Disoccupazione giovanile in risalita a ottobre

di Cl. T.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Il tasso di disoccupazione, per il secondo mese consecutivo, ha reso noto venerdì scorso l’Istat, è registrato in salita, al 10,6% (+0,2 punti, ci sono 64mila disoccupati in più), in controtendenza rispetto all’area Ue dove è rimasto stabile all’8,1%. Il dato dei senza lavoro di ottobre, in Italia, sconta il contestuale calo degli inattivi, tra cui molti scoraggiati (-0,6 punti, -77mila unità), prevalentemente donne che hanno deciso, quindi, di rimettersi in cerca attiva di un impiego (ma al momento non vengono premiate, visto che l’occupazione non cresce).

I dati
Per i giovani la situazione si conferma critica: il tasso di disoccupazione degli under25 si è attestato al 32,5%, siamo terz’ultimi in Europa (peggio di noi solo Spagna, 34,9%, e Grecia, 36,8%, dato di agosto); e restiamo lontanissimi dai primi della classe, la Germania stabile al 6,2%, grazie al sistema di formazione duale (che da noi, invece, il governo Conte sta smontando).

Sull’anno, la fotografia del mercato del lavoro resta in chiaro-scuro: l’occupazione è cresciuta di 159mila unità, interamente precaria e legata agli over50 (i dipendenti permanenti hanno toccato -140mila unità). In calo, sempre nel tendenziale, sia i disoccupati (-118mila unità) sia gli inattivi (-143mila unità).


© RIPRODUZIONE RISERVATA