Enti e regioni

Gli studenti di Escp Europe diventano consulenti per le start-up

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Imparare ad analizzare i trend di mercato e confrontare i competitor, pianificare campagne di comunicazione e marketing, studiare un prodotto per migliorarne la performance e misurare i risultati: sono solo alcune delle attività che coinvolgeranno gli studenti del programma Bachelor in Management (Bsc) della business school Escp Europe che per cinque mesi lavoreranno come giovani consulenti aziendali fianco a fianco con alcune delle più innovative start-up italiane. Prende il via la terza edizione dei Collective Project, quest'anno sviluppati in collaborazione con SocialFare, il primo centro italiano interamente dedicato all'innovazione sociale, la media Agency Btreese la rete di imprenditori Réseau entreprendre Piemonte.


“Learning by doing”, la convinzione che solo la pratica possa davvero rafforzare la conoscenza, è da sempre uno dei metodi d'insegnamento cardine della Business school nata nel 1819, tra le più prestigiose a livello mondiale, e i Collective Project rappresentano un'opportunità per gli studenti di entrare in contatto con realtà imprenditoriali giovani e dinamiche. Al tempo stesso il progetto costituisce per le start-up l'occasione di cogliere intuizioni che possono provenire da giovani in grado di sperimentare nuove soluzioni di business e favorire la loro scalabilità sul mercato.


Dalla biomedica al socialeating, dall'energia elettrica ai droni, dalle capsule del caffè ecosostenibili alle piattaforme di job sharing, le aziende coinvolte dai tre partner operano nei settori economici più vari.

Venti team lavoreranno a stretto contatto con le 19 start-up selezionate da SocialFare, Btreese Réseau entreprendre Piemonte con l'obiettivo di unire formazione manageriale e sviluppo di imprenditorialità. Gli studenti, dotati di strumenti condivisi di Project management e soggetti a serrate verifiche dell'avanzamento del lavoro per aumentare la loro professionalità, potranno condividere esperienze costruttive e di crescita personale, acquisendo al tempo stesso abilità pratiche, manageriali e di leadership. Dei 118 studenti del Bachelor in Management che partecipano, ben l'82% proviene da 33 Paesi stranieri e l'età media dei partecipanti è compresa tra i 19 e i 20 anni. Al termine dell'esperienza formativa, che contribuisce alla valutazione accademica, saranno chiamati a presentare il progetto sviluppato.


«Il Campus di Torino è fortemente orientato all'imprenditorialità ed ha una fitta rete di rapporti con il mondo delle imprese. I Collective Project sono un'occasione ulteriore per la nostra business school di fare rete con le realtà imprenditoriali emergenti ed innovative del territorio – dichiara Francesco Rattalino, direttore di Escp Europe Torino Campus –. Già nelle precedenti edizioni l'affiancamento di team di studenti internazionali alle start-up aderenti si è dimostrato un'eccellente palestra formativa, offrendo loro l'opportunità di sviluppare nuove competenze e di mettere in pratica quanto appreso in aula».


SocialFare seguirà lo sviluppo dei progetti di EcoStalla e Humus, mentre Btrees quelli di Acus, Dynameet e Interlinea. Réseau Entreprendre Piemonte coordinerà invece i lavori delle aziende senior Aizoon, Graziadio, Metroconsult e WellCom e delle startup Biotechware, Gnammo, Goolbook, Immodrone, I-see, Orangogo, Tredivino, Vinnoxygen e Waycap.


«La partnership tra ESCP Europe e SocialFare continua e cresce – commenta Laura Orestano, ceo di SocialFare –: le start-up a impatto sociale accelerate da SocialFare diventano non solo stimolo al coinvolgimento progettuale per gli studenti del Bachelor ma anche evidenza del crescente interesse da parte loro verso i temi impact. Escp Europe e SocialFare sono chiamati quindi ad interrogarsi su come rispondere insieme ad una domanda di conoscenza che è sempre più attenta alla sostenibilità sociale come risultato di nuovi modelli di business che integrino il valore sociale come elemento fondamentale della catena del valore di qualsiasi azione imprenditoriale e organizzativa».


«Come agenzia di comunicazione intendiamo collaborare alla crescita dell'ecosistema dell'innovazione del Piemonte e non solo – continua Lorenzo D'Amelio, Innovation Strategist di Btrees –. Rinnovare la nostra partecipazione all'iniziativa al 3° anno di attività con Escp Europe, Social Fare e Réseau Entreprendre ci onora ed ha per noi un doppio significato: dare l'opportunità agli studenti di sperimentare le proprie competenze - nell'ambito delle ricerche di mercato, analisi di comunicazione e non solo - praticamente e direttamente con le Pmi per cui lavoriamo ed al contempo portare un valore aggiunto alle imprese da noi supportate. Abbiamo il piacere quest'anno di coinvolgere nel progetto le seguenti aziende: Dynameet, Acus, Interlinea».


«Siamo davvero felici di essere stati coinvolti nell'Escp Europe collective project – afferma Giovanni Radis, presidente di Réseau entreprendre Piemonte –. Il motto di Réseau Entreprendre è “Per creare nuovi posti di lavoro creiamo imprenditori” e proprio in tal senso coltiviamo i giovani talenti mettendo a loro disposizione, per crescere, l'esperienza di imprenditori senior. Speriamo vivamente di far vivere ai team di studenti Escp Europe l'opportunità di immergersi nelle aziende nostre associate e nelle start-up, in quanto siamo convinti dell'importanza del binomio Università/Impresa».



© RIPRODUZIONE RISERVATA