Formazione in azienda

Imprese, Unioncamere: un’assunzione su 3 richiede competenze 4.0

di Alessia Tripodi

Nel 2017 le imprese italiane hanno richiesto competenze 4.0 per un’assunzione su 3. E per migliorare le conoscenze dei dipendenti, il 30% delle aziende ha già avviato (o intende avviare) corsi di formazione ad alto tasso di tecnologia. Sono i dati rilevati dal sistema Excelsior di Unioncamere e presentati alla Maker Faire 2018, la fiera dell’artigianato digitale e dell’innovazione che si è svolta dal 12 al 14 ottobre a Roma. Numeri che «restituiscono alle competenze 4.0 il ruolo centrale che gli spetta», ha commentato il presidente di Fondimpresa, Bruno Scuotto, secondo il quale per «affrontare la quarte rivoluzione industriale» «è necessario formazione con frequenza crescente i propri lavoratori».

Competenze 4.0 sempre più richieste
I dati Unioncamere, emersi dai test di autovalutazione sulla maturità digitale effettuati da oltre 2.800 imprese attraverso il portale delle Camere di commercio www.puntoimpresadigitale.camcom.it , rivelano dunque che le aziende hanno sempre più bisogno di profili 4.0 e si stanno attrezzando per affrontare le innovazioni portate dalla “quarta rivoluzione industriale”. Nel 54% dei casi i corsi di formazione per il personale avviati dalle pmi hanno riguardato le tecnologie per la gestione dei dati (big data, analytics, cloud), mentre solo nel 21% dei casi si fa formazione su tecnologie “hard”, come la robotica, la stampa 3.D.

Digital manager, arriva la certificazione delle competenze
Il segretario generale di Unioncamere, Giuseppe Tripoli, ha spiegato che «le Camere di commercio con i Pid, la rete dei punti di impresa digitale realizzata all'interno del Network impresa 4.0, hanno già coinvolto più di 10mila imprese in eventi informativi e self-assessment e stanziato quasi 33 milioni di euro in voucher per le Pmi. «Entro il 2019 contiamo di raggiungere altre 20 mila imprese e mettere a disposizione ulteriori 12 milioni di euro» ha aggiunto Tripoli, annunciando che «per colmare il gap di competenze, nei prossimi mesi il Sistema camerale definirà un sistema di attestazione delle skill dei Digital Manager», ovvero «professionalità qualificate in grado di aiutare nel concreto le aziende nel processo di trasformazione».

Fondimpresa, 229 milioni per riqualificare le competenze
Parlando a Maker Faire il presidente di Fondimpresa Scuotto ha ricordato che «con oltre 187mila aziende aderenti e 4 milioni e 480mila lavoratori, Fondimpresa finanzia, con una spesa di 229 milioni di euro annui, piani di formazione per la crescita e la riqualificazione delle competenze». I due avvisi di recente pubblicazione «quello “Competitività” per il quale stanziamo 72 milioni - ha spiegato - e quello “Formazione a sostegno dell'innovazione digitale e tecnologica” di 10 milioni, confermano la nostra volontà di sostenere le imprese in questo percorso di crescita che passa necessariamente per la trasformazione digitale».

Alla Maker Faire 100mila mq ad alto tasso di innovazione
La sesta edizione della Maker Faire Rome, promossa dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua Azienda speciale Innova Camera, ha presentato quest’anno più di mille i progetti, arrivati da 61 nazioni. Sette i padiglioni, per un'estensione di 100mila metri quadri, aperti a tutti: dalle scuole alle università, dalle imprese al grande pubblico. Per Massimiliano Colella, direttore generale di Innova Camera, «Maker Faire con oltre 700 espositori si conferma parco della conoscenza e della scienza», in grado di rendere la tecnologia alla portata di tutti. Perchè il mondo dell’hi-tech, e dei “maker” in particolare, «deve guardare non solo ai bambini, ma anche agli adulti, che senza una familiarità con le nuove tecnologie rischiano di essere tagliati fuori dal mondo del lavoro» ha sottolineato il curatore della Maker Faire Rome, Massimo Banzi, il papà del software open source Arduino.


© RIPRODUZIONE RISERVATA